Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti

Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti anonimi

“Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti anonimi, forse domani morirò, magari prima di quel tedesco, ma tutte le cose che farò prima di morire e la mia morte stessa saranno pezzetti di storia, e tutti i pensieri che sto facendo adesso influiscono sulla mia storia di domani, sulla storia di domani del genere umano”.
(Italo Calvino)

Lo stile è una risposta a tutto

Lo stile è una risposta a tutto
“Lo stile è una risposta a tutto. Un nuovo modo di affrontare un giorno noioso o pericoloso, fare una cosa noiosa con stile è meglio che fare una cosa pericolosa senza stile. fare una cosa pericolosa con stile è ciò che io chiamo arte. La corrida può essere arte. Boxare può essere arte. Amare può essere arte. Non molti hanno stile”…

(Charles Bukowski)

Le parole non hanno occhi né gambe e spesso nemmeno cuore

Le parole non hanno occhi né gambe, non hanno bocca né braccia, non hanno visceri e spesso nemmeno cuore

“Le parole non hanno occhi né gambe, non hanno bocca né braccia, non hanno visceri e spesso nemmeno cuore, o ne hanno assai poco. Non puoi chiedere alle parole di accenderti una sigaretta ma possono renderti più piacevole il vino. E certo non puoi costringere le parole a fare qualcosa che non voglion fare. Non puoi sovraccaricarle e non puoi svegliarle quando decidono di dormire”…

(Charles Bukowski)

Non ci preoccuperemo di quello che il destino per noi ha stabilito

Non ci preoccuperemo di quello che il destino per noi ha stabilito

“Noi saremo, a dispetto di stolti e di cattivi che certo guarderanno male la nostra gioia, talvolta, fieri e sempre indulgenti, è vero? Non ci preoccuperemo di quello che il destino per noi ha stabilito, cammineremo insieme la mano nella mano, con l’anima infantile di quelli che si amano in modo puro, vero?”.

(Paul Verlaine)

Il vostro amico è il vostro bisogno saziato…

Il vostro amico è il vostro bisogno saziato

“Il vostro amico è il vostro bisogno saziato. E’ il vostro campo che seminate con amore e mietete con più riconoscenza. E’ la vostra mensa e la vostra dimora. Poiché, affamati, vi rifugiate in lui e lo cercate per la vostra pace. Se l’amico vi confida il suo pensiero, non nascondetegli il vostro, sia rifiuto o consenso. Quando lui tace, il vostro cuore non smette di ascoltare il suo cuore; Poiché nell’amicizia ogni pensiero”…

(Kahlil Gibran)

Se saprai starmi vicino, e potremo essere diversi…

Se saprai starmi vicino, e potremo essere diversi

“Se saprai starmi vicino, e potremo essere diversi, se il sole illuminerà entrambi senza che le nostre ombre si sovrappongano, se riusciremo ad essere “noi” in mezzo al mondo e insieme al mondo, piangere, ridere, vivere. Se ogni giorno sarà scoprire quello che siamo e non il ricordo di come eravamo, se sapremo darci l’un l’altro senza sapere chi sarà il primo e chi l’ultimo se il tuo corpo canterà con il mio perché insieme è gioia… Allora sarà amore”…

(Pablo Neruda)

Abbi il coraggio di servirti della tua intelligenza

Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza!

“Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza! È questo il motto dell’illuminismo. Sennonché a questo illuminismo non occorre altro che la libertà, e la più inoffensiva di tutte le libertà, quella cioè di fare pubblico uso della propria ragione in tutti i campi”…

(Immanuel Kant)

Vuoi sentirti sicuro? La sicurezza si può avere in galera

Vuoi sentirti sicuro? La sicurezza si può avere in galera

“Vuoi sentirti sicuro? La sicurezza si può avere in galera. Tre metri quadrati tutti per te senza affitto da pagare, senza conti della luce e del telefono, senza tasse, senza alimenti. Senza multe. Senza fermi per guida in stato di ubriachezza. Cure mediche gratuite. La compagnia di persone con gli stessi interessi”.

(Charles Bukowski)

Avere un cuore da bambino non è una vergogna

Avere un cuore da bambino non è una vergogna

“Avere un cuore da bambino non è una vergogna. È un onore. Un uomo deve comportarsi da uomo. Deve sempre combattere, preferibilmente e saggiamente, con le probabilità a suo favore, ma in caso di necessità deve combattere anche contro qualunque probabilità e senza preoccuparsi dell’esito. Deve seguire i propri usi e le proprie leggi tribali, e quando non può, deve accettare la punizione prevista da queste leggi”.

(Ernest Hemingway)