Tutti noi, e molto spesso, siamo quasi uguali ai matti…

Tutti noi, e molto spesso, siamo quasi uguali ai matti

“Tutti noi, e molto spesso, siamo quasi uguali ai matti, ma c’è una piccola differenza: i “malati” sono un po’ più matti di noi, perciò qui bisogna tracciare una linea di confine. Ma di persone perfettamente equilibrate, in verità, non ce n’è quasi nessuna; su varie decine e forse anche su molte centinaia di migliaia se ne trova una, e, per di più, questi esemplari non provano gran che”.

Fëdor Dostoevskij